BIMESTALE DI CULTURA E INFORMAZIONE SUL MONDO DELLA SANITA'     -      RIVISTA DEI CAMILLIANI D'ITALIA

KzmAdvertise Applet

 RICERCA IN ARCHIVIO


 

 EDITORIALE


Getta sul Signore
il tuo affanno
di D. Fantin
 
 L'OPINIONE


La fragile Realtà
di L. D.  Tosi
 
 DAL MONDO CAMILLIANO


I Camilliani in America Latina (5)


Bambini e donne D'Africa
 
 PENSIERI DELL'ANIMA


le parole di Dio:
I dieci comandamenti
di A. Wodka


La preghiera del Sofferente:
Signore 
fa che io veda
di G. Ravasi
 
 EXPLORER


Ora et Labora
 
 RUBRICHE
Psicologia
dell'età evolutiva


I primi
due anni di vita

Grafologia e Psicosomantica


Nascondersi dietro i ricci
Scienza e salute


Il mondo
non è un teatro
Arte e tempo libero


Il Luminioso medioevo
Donna oggi


Ripudiamo
la "solitaria Sovranità"?
Nel mondo 
degli anziani


Forse segretamente li invidiamo
Il Racconto d'autore


Il Risorto
 
LA REDAZIONE
DI MISSIONE SALUTE
ARTE E TEMPO LIBERO
IL LUMINOSO MEDIOEVO
di Andrea Magnani
Tra i più suggestivi del Trentino, il castello di Avio combina fortificazioni e pregevoli affreschi, oggi godibili grazie al Fondo Ambiente Italiano che ne ha curato il restauro.
 

Risale al 1053 il documento più antico della sua esistenza: un monaco bavarese di ritorno in patria vi avrebbe trovato ristoro alle fatiche del viaggio. Poi la fama del Castello di Avio (TN) crebbe con quella dei suoi proprietari. Nel XII e XIII secolo fu una roccaforte dei Castelbarco, importante famiglia trentina con vasti interessi nel Veronese.
La posizione strategica deve avere suggerito, fin dai tempi più remoti, la dislocazione di un “presidio” sulle pendici della collina di Sabbionara, nella bassa Val Lagarina, nel punto dove il castello si è sviluppato a strati successivi, seguendo la morfologia del rilievo.
Qui i Castelbarco detenevano le loro proprietà fondiarie e potevano contare su fedeli masnade pronte a tutto. Controllavano diversi castelli (una quindicina), ma proprio in quello di Avio il ramo principale della famiglia insediò la propria dimora.
La spada e il pennello
Rinforzato nel ‘200 con l’ampia cinta muraria meridionale (“castello inferiore”), che si saldò alla preesistente (“castello superiore”), il complesso castellano è sovrastato dal mastio, imponente torrione dalla pianta assai inconsueta: un perimetro a sei lati diseguali con gli spigoli in parte smussati. Ai suoi piedi si sviluppa il palazzo baronale, che combina in piacevole contrasto la pietra e il cotto. Isolata nel verde, sempre entro le poderose mura fortificate, ha sede la casa delle guardie.
Quest’ultima custodisce un importante ciclo di affreschi trecenteschi di soggetto profano, purtroppo lacunosi di molti brani, andati irrimediabilmente perduti. Di autore ignoto, i dipinti esaltano le glorie militari del casato. 
Desiderio di autocelebrazione e gusto artistico fecero dei signori di Castelbarco raffinati committenti di opere pittoriche e decorative. Particolarmente vivace è la battaglia che si sviluppa sulla parete settentrionale della casa delle guardie, dove si fronteggiano un vero esercito in armi e delle milizie rurali provenienti da un feudo della famiglia. 
La “camera d’amore”
Ma anche all’interno del mastio sono godibili affreschi con scene di amore cortese. È la cosiddetta “camera d’amore”, in origine una sorta di estremo rifugio in caso di attacco nemico. Situata all’ultimo piano della torre, di pianta leggermente ovoidale, la stanza è coperta di una volta a sesto ribassato con cinque finestrelle. I frammenti pittorici della volta - manca oltre la metà del decoro - presentano, appena leggibili, due personaggi assisi in trono e delle piccole figure inginocchiate. 
Di sorprendente fantasia è la decorazione delle pareti: scorre tutto intorno un motivo a tenda, sollevata a intervalli regolari per mostrare una serie di piccoli interni animati. Nei meglio conservati figura un cavaliere inginocchiato trafitto in pieno petto dalla lancia del dio Amore, una dama con in braccio un cagnolino e, sopra un cavallo lanciato al galoppo, Cupido intento a scoccare i suoi strali.
Una parata di “Vip”
Personaggi illustri hanno varcato la sua soglia: dal re longobardo Autari, con la consorte Teodolinda, agli imperatori Carlo V e Massimiliano d’Asburgo. Ma la storia millenaria di questo splendido castello ha conosciuto anche periodi di abbandono. Nel 1937, il conte Emanuele Castelbarco Rezzonico Pindemonte ne ha acquisito la proprietà, ceduta poi dalla figlia Emanuela (1987) al Fondo Ambiente Italiano che l’ha restaurata e aperta al pubblico. Un luminoso Medioevo, tutto da gustare.

 
LE PROPRIETA' DEL "FAI"
  
  Il castello è aperto tutto l’anno tranne il mese di gennaio, i lunedì non festivi e le ultime due settimane di dicembre. Per informazioni, prenotazioni e visite guidate: Castello di Avio (TN): tel. 0464.684453. Direzione Fai (Milano): tel. 02.467615.1. Sito internet: www.fondoambiente.it.
 
 ANNO XVI n. 2  MAR-APR

copertina

NUMERI PRECEDENTI

 

Abbonati a Missione Salute
  ATTUALITA'  
Cosa dovrebbero insegnare i preti.
di A. Pronzato
Il Salto generazionale
di S. Spini
Stop al sito Cattivo
di D. Fantin
Un traguardo possibile
di R. Vegetti
Lo sguardo dell'amore
di A. Galli
Roma nel terzo millennio
di A. Sassone
Filosofo e insegnante
di F. Mola
Musica e colori 
di C. Sabatini
Sentinelle marziali
di A. Del Prete
Il Signore
della libertà

di N. Benazzi
L'uomo della pace
di M. Bizzotto

  MEDICINA  
Basta con il torcicollo
di P. Sartori
Il male oscuro
di  P. Salari
Perché 
proviamo dolore

di M.G. Lo Monaco
Il menù giusto
di P. Sartori
Verruche?
Ci vuole pazienza

di A. Magnani
Il Pianeta sanità visto da:
Bruno Laganà

di  P. Piersanti
e V. Markaki
Caleidoscopio Sanitario
di G. Meneghello

Inizio Pagina